Categories
Geostrategic magazine

La guerra e la tecnologia. Da Observer Research Foundation

Lo scopo della guerra è rimasto costante da sempre. Il generale prussiano e teorico militare Carl von Clausewitz ha affermato: “La guerra non è altro che un incontro di lotta su vasta scala, un atto di violenza volto a costringere l’avversario a compiere la nostra volontà”. Tuttavia, i modi e i mezzi per raggiungere tali obiettivi si sono trasformati nel corso della storia, soprattutto a causa dell’evoluzione tecnologica. Ci sono stati tentativi di catturare e classificare questi cambiamenti attraverso diversi quadri analitici, ma l’influenza della tecnologia e della geopolitica forma un mix letale, rendendo la guerra futura molto più complessa.

Con l’equilibrio di potere globale e asiatico in uno stato di flusso strategico, la competizione, la rivalità e il conflitto, violento o meno, stanno nuovamente assumendo un ruolo centrale. Inoltre, sotto la spinta dell’innovazione tecnologica e con l’avvento di tecnologie emergenti e critiche, sono possibili anche cambiamenti nelle tattiche, nelle strategie e nei mezzi di guerra. La crescente importanza della guerra cibernetica, l’armamento dello spazio, la guerra per procura e le operazioni di influenza e le campagne di disinformazione indicano che i modi di combattere la guerra stanno cambiando. I futuri campi di battaglia potrebbero essere irriconoscibili con la crescita e i progressi di tecnologie come l’intelligenza artificiale (AI), la quantistica, la cibernetica, lo spazio e le biotecnologie.

Le forze armate di tutto il mondo, i politici e gli strateghi si trovano di fronte a sfide enormi determinate da questa trasformazione.

Future Warfare and Technologies: Issues and Strategies | ORF (orfonline.org) –  Rajeswari (Raji) Pillai Rajagopalan