Categories
Geostrategic magazine

Le difficoltà economiche di Pechino

fonte: The Jamestown Foundation

Dall’inizio di quest’anno, le banche d’investimento e le organizzazioni finanziarie internazionali, tra cui il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale, hanno costantemente rivisto al ribasso le previsioni di crescita del PIL della Repubblica Popolare Cinese (RPC) nel 2022, portandole a circa il 3,2% (Nikkei Asia, 7 ottobre). La maggior parte degli analisti concorda sul fatto che Pechino si trova in una posizione economica difficile, ma la situazione può potenzialmente peggiorare a causa delle passività fuori bilancio.

Un altro freno al bilancio del Paese, che non ha ancora colpito pienamente, è l’impatto dei finanziamenti della Belt and Road Initiative (BRI). A causa dei problemi economici e delle crisi del debito nei Paesi partner della BRI, una grande percentuale dei prestiti dell’iniziativa potrebbe dover essere condonata o almeno ristrutturata. Prima di esaminare i finanziamenti e le passività nascoste, è necessario tracciare un quadro generale dell’attuale economia della RPC attraverso un ampio spettro di indicatori.

China’s Economy: More Debt that Meets the Eye – Jamestown – Antonio Graceffo