Categories
Geostrategic magazine

Scioglimento delle calotte glaciali e adattamento per le zone costiere. Da Modern Diplomacy

Nelle gelide regioni della Groenlandia, le crepe nella calotta glaciale segnano le linee di battaglia nella lotta contro il cambiamento climatico. I gas a effetto serra fanno aumentare le temperature globali, sciogliendo i ghiacci e spingendo sempre più iceberg a staccarsi dai ghiacciai e dalle calotte glaciali. Quando il ghiaccio si scioglie e l’acqua entra nell’oceano, contribuisce all’innalzamento del livello del mare, mettendo a rischio milioni di persone che vivono nelle zone costiere basse di tutto il mondo.

La calotta glaciale della Groenlandia immagazzina l’equivalente di sette metri di innalzamento del livello del mare, mentre quella dell’Antartide ne contiene circa 60. Il loro tasso di scioglimento dipende da una serie di fattori, tra cui la velocità con cui l’uomo ridurrà i gas serra.

‘È più o meno certo che non sfuggiremo a un innalzamento del livello del mare di due metri’, ha dichiarato Gaël Durand dell’Université Grenoble-Alpes in Francia. La domanda ora è: ‘Quando accadrà? Sarà tra 100 anni o tra 2000 anni?’.

Questa domanda, su quanto e quando, non è semplice, ma la risposta è fondamentale per l’adattamento dell’umanità ai cambiamenti climatici. A differenza della mitigazione, che significa ridurre le emissioni di gas serra, l’adattamento climatico mira a costruire la resilienza agli effetti inevitabili di un clima che cambia. Ma per adattarsi, i decisori politici hanno bisogno di informazioni affidabili su ciò che accadrà al clima nelle diverse regioni.

È qui che le previsioni climatiche e le proiezioni della ricerca scientifica giocano un ruolo cruciale: le previsioni cercano di fornire stime a breve termine – ad esempio, la temperatura media annuale o stagionale tra cinque anni; mentre le proiezioni estrapolano ciò che potrebbe accadere a lungo termine, in diversi futuri possibili, determinati da risposte di mitigazione più o meno ambiziose.

Nell’ambito del progetto PROTECT, finanziato dall’UE, Durand e colleghi stanno lavorando sulle proiezioni, per determinare con maggiore precisione cosa accadrà alle calotte glaciali in un contesto di aumento delle temperature e come questo avrà un impatto sulle comunità che vivono nelle zone costiere.

Advanced forecasting to help millions on coasts and in cities cope with climate-change impacts – Modern Diplomacy – Sarah Wild