Categorie
Analysis

Space – Crater trio (ESA)

ESA writes: This image was taken on 22 March 2021 in the Lunae Planum region [16.74°N, 300.9°E] of Mars by the CaSSIS camera on the ESA-Roscosmos ExoMars Trace Gas Orbiter (TGO)

go to ESA: ESA – Crater trio

Categorie
Analysis

Space – Il ritmo delle giganti rosse (Global Science)

writes: Una vasta ‘orchestra’ cosmica, la cui armonia scaturisce da onde sonore che si formano all’interno dei ‘musicisti’: si tratta di un ampio gruppo di stelle pulsanti, appartenenti alla categoria delle giganti rosse e individuate grazie ai dati della missione Tess della Nasa. La scoperta è stata presentata nel corso della “Tess Science Conference II”, che si sta svolgendo in modalità virtuale, ed è stata illustrata in uno studio di prossima pubblicazione su The Astrophysical Journal (articolo: “A ‘Quick Look’ at All-Sky Galactic Archeology with Tess: 158,000 Oscillating Red Giants from the Mit Quick-Look Pipeline”, disponibile in anteprima sulla piattaforma arxiv.org); l’indagine, svolta da un gruppo di lavoro internazionale, è stata coordinata dall’Istituto di Astronomia dell’Università delle Hawaii

go to Global Science: Il ritmo delle giganti rosse (globalscience.it)

Categorie
Analysis

Space – Cinque supernovae per Spitzer (Global Science)

writes: Spitzer ha individuato cinque supernovae nascoste, non rilevate dalla luce ottica. Il telescopio ha osservato 40 galassie polverose, migliorando le tecniche che vengono usate per comprendere l’evoluzione delle stelle. «Questi risultati mostrano che i sondaggi ottici di cui ci serviamo costantemente – afferma Ori Fox, dello Space Telescope Science Institute di Baltimora – non rilevano fino alla metà delle esplosioni stellari che si verificano nel cosmo. È un’ottima notizia che il numero di supernovae che stiamo vedendo con Spitzer sia statisticamente coerente con le previsioni teoriche»

go to Global Science: Cinque supernovae per Spitzer (globalscience.it)

Categorie
Analysis

Space – Colpo di calore extra su Giove (Global Science)

writes: Giove, situato nel Sistema Solare ad una distanza cinque volte superiore a quella tra il Sole e la Terra, dovrebbe riportare una temperatura pari a meno 100 gradi Fahrenheit. Invece, le misurazioni ottenute registrano un incremento di circa 800 gradi Fahrenheit, ponendo l’interrogativo su cosa avesse potuto causare questo eccessivo riscaldamento dell’intera atmosfera superiore del pianeta

go to Global Science: Colpo di calore extra su Giove (globalscience.it)

Categorie
Analysis

Space – Buchi neri attivi, nuovo studio sui gas espulsi (Global Science)

writes: Una giovane ricercatrice del Center for Astro, Particle, and Planetary Physics della New York University di Abu Dhabi (Nyuad) negli Emirati Arabi, Aisha Al Yazeedi, ha appena pubblicato il risultato di un’analisi sui buchi neri supermassicci sulla rivista scientifica americana The Astronomical Journal. Tale corpo celeste, che si trova al centro di ogni galassia, in genere è dormiente, come nel caso della nostra Via Lattea, mentre in alcuni casi può essere attivo

go to Global Science: Buchi neri attivi, nuovo studio sui gas espulsi (globalscience.it)

Categorie
Analysis

Space – Un ‘Sole’ giovane e vicino (Global Science)

writes: Com’era il Sole durante la sua ‘adolescenza’? Ce lo dice Kappa 1 Ceti, una stella junior e vicina, che gli astronomi ritengono molto simile alla nostra e quindi utile per comprenderne l’evoluzione. Kappa 1 Ceti, che appartiene alla costellazione della Balena e si trova a circa 30 anni luce di distanza dalla Terra, è al centro di uno studio appena pubblicato su The Astrophysical Journal (articolo: “One Year in the Life of Young Suns: Data-constrained Corona-wind Model of K 1 Ceti”); l’indagine, condotta da un gruppo di lavoro internazionale, è stata coordinata dal Centro Goddard della Nasa e si basa su un modello informatico. Il modello in questione era già esistente ed è stato adattato per questa particolare ricerca; esso è stato realizzato con i dati raccolti nel 2012 e nel 2013 da svariate missioni spaziali, tra cui Tess e Nicer (Nasa), Hubble (Nasa-Esa) e Xmm-Newton (Esa)

go to Global Science: Un ‘Sole’ giovane e vicino (globalscience.it)

Categorie
Analysis

Space – MaGIXS vola sul mistero del Sole (Global Science)

writes: Se volessimo assaggiare un piatto di spaghetti appena scolati, intuitivamente prenderemmo uno degli spaghetti più superficiali o, ancora meglio, uno sulla parte esterna del piatto, sicuri che questo sia il meno caldo di tutti. Nel Sole non accade la stessa cosa: la corona solare, lo spaghetto più esterno, risulta cocente quanto il nucleo, il cuore del groviglio di spaghetti

go to Global Science: MaGIXS vola sul mistero del Sole (globalscience.it)

Categorie
Analysis

Space – Ghiaccio sulla Luna: ombre e gas sciolgono l’enigma (Global Science)

writes for Global Science: «Se l’acqua fosse disponibile sulla Luna sotto forma di brina nelle regioni illuminate dal sole, i futuri esploratori potrebbero usarla come risorsa per il carburante e l’acqua potabile. Ma prima, dobbiamo capire come interagiscono l’esosfera e la superficie lunare ». Lo hanno dichiarato Björn Davidsson e Sona Hosseini, scienziati del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della NASA in occasione di un nuovo studio pubblicato sulla rivista inglese Monthly Notices of the Royal Astronomical Society

go to Global Science: Ghiaccio sulla Luna: ombre e gas sciolgono l’enigma (globalscience.it)

Categorie
Analysis

Space – Una stella in fuga dalla Via Lattea (Global Science)

writes: Si trova ad una distanza di circa 2mila anni luce dalla Terra, nella costellazione dell’Orsa Minore, e si sta letteralmente catapultando verso i confini della Via Lattea: la velocista è Lp 40-365, una stella che fa parte di una rara categoria e che ha stuzzicato la curiosità degli astronomi. La categoria in questione è quella dei frammenti di nane bianche massicce, sopravvissuti dopo una violenta esplosione

go to Global Science: Una stella in fuga dalla Via Lattea (globalscience.it)

Page 66 of 189
1 64 65 66 67 68 189