Categories
Geostrategic magazine

Russia-Ucraina. Retorica della minaccia nucleare (ECFR)

Tre settimane prima che la Russia lanciasse la sua invasione su larga scala dell’Ucraina, ho suggerito che “non ci sarebbe stata una guerra nucleare, ma una guerra con un’innegabile dimensione nucleare”. Ciò rimane vero anche oggi, nonostante alcune recenti affermazioni del contrario. Il rischio di un’escalation nucleare può essere aumentato dal 24 febbraio, ma è ancora estremamente remoto. Il genocidio, tuttavia, è una certezza se i leader occidentali, paralizzati dal discorso nucleare del Cremlino, dovessero abbandonare l’Ucraina.

La retorica nucleare della Russia è stata la norma in questa guerra. Non dovrebbe essere una sorpresa. Le armi nucleari della Russia sono parte integrante del suo kit di gestione dell’escalation e i frequenti riferimenti al suo potenziale nucleare sono una pratica standard. Secondo i ricercatori Anna Clara Arndt e Liviu Horovitz, la Russia calibra la sua retorica nucleare per perseguire tre obiettivi distinti: “dissuadere l’intervento militare straniero, dissuadere gli aiuti stranieri all’Ucraina e costringere il governo di Kiev”.

How to defeat Russia and prevent nuclear armageddon with one weird trick – European Council on Foreign Relations (ecfr.eu)Rafael Loss